20 aprile 2017

CONCLUSA L’11^ EDIZIONE DELLE “CONVITTIADI”

Quasi 2.000 partecipanti a Lignano per l’11^ edizione del Progetto educativo nazionale

Grandissimo il successo del Convitto Nazionale “Paolo Diacono” a conclusione dell’11^ edizione delle Convittiadi, le “Olimpiadi dei Convitti” a sfondo sportivo, artistico ed educativo, a cui hanno partecipato quasi 2.000 giovani atleti di età compresa tra gli 11 ed i 16 anni. Le gare, riservate agli studenti dei Convitti Nazionali e degli Educandati distribuiti in quasi tutte le regioni italiane, si sono svolte presso il villaggio Ge.tur di Lignano Sabbiadoro dal 06 al 13 aprile.

Dopo le prime tre edizioni del 2007, 2008 e 2009, ed il decennale dello scorso 2016, l’A.N.I.E.S. (l’Associazione Nazionale degli Istituti Educativi dello Stato) ha voluto nuovamente affidare al Convitto cividalese l’organizzazione dell’evento. Questa 11^ edizione ha convogliato in Friuli ben 29 delegazioni e ha prodotto una straordinaria quantità di momenti salienti a cominciare dalle vibranti emozioni della Cerimonia di apertura, per proseguire con le prestazioni di buon livello degli studenti / atleti durante gli incontri previsti in calendario e le ottime performance dei gruppi teatrali e musicali che hanno costituito un ulteriore momento di socializzazione ed espressione artistica; infine, l’irrefrenabile entusiasmo di tutti i gruppi presenti nella serata delle Premiazioni conclusive di mercoledì 12 aprile.

Durante la settimana i giovani atleti hanno avuto modo di confrontarsi nelle discipline sportive del calcio a 5, volley, basket, beach volley, tennis tavolo, scacchi e beach tennis, oltre che in gare di nuoto e di corsa campestre. La bandiera del Convitto “Paolo Diacono” di Cividale ha sventolato sul podio del primo classificato per la categoria large del volley femminile; terzo classificato invece per scacchi individuale small femminile in cui la studentessa Ylenia Crainich ha conquistato la medaglia di bronzo.

In periodi spesso contraddittori in cui talvolta si trova immersa la complessa realtà della Scuola, un progetto semplice come quello delle Convittiadi, che propone l’incontro di ragazzi che giungono da Regioni e spesso realtà diverse (in alcune occasioni c’è stata ad esempio anche la partecipazione di alcuni Convitti statali per sordi, ottenendo vere ovazioni in ambito musicale e teatrale), rappresenta un evento molto atteso dagli studenti e di conseguenza un attestato di qualità che accresce l’immagine e la credibilità delle Istituzioni Scolastiche ed Educative in ambito nazionale.

L’ultimo commento del Rettore del CNPD Patrizia Pavatti ha infatti ricordato che “Il significato di questo grande Progetto educativo nazionale è racchiuso nei valori che esso trasmette: la sportività, il confronto, il rispetto e la lealtà, l’amicizia, la solidarietà e la valorizzazione del talento. Valori che ci sentiamo di rappresentare in quanto sono strettamente appartenenti alle realtà delle nostre Istituzioni Educative.