CLASSICI CONTRO

4 maggio 2019

ANTHROPOS
Diritti e doveri dell'Uomo
CIVIDALE CLASSICI CONTRO 2019
CIVIDALE DEL FRIULI
TEATRO RISTORI
Sabato 4 maggio 2019 - ore 9.30-13.00

Introducono e coordinano

Elena Fabbro (Università di Udine),

Paola Panont, Sandro Colussa (Liceo Paolo Diacono Cividale del Friuli)

LIONELLA MANAZZONE (Magistrato di Sorveglianza, Udine)

«Anche in carcere restiamo uomini»

ROBERTO MAGAROTTO (Oncologo, Verona)

«Diritti del malato e doveri del medico di fronte alla sofferenza»

LUCIANO CECCHINEL (Poeta, Revine Lago)

«Le parole perdute: il diritto e il dovere della poesia»

ALBERTO CAMEROTTO (Università Ca' Foscari Venezia)

«Sisifo, ovvero l'orgoglio della resistenza»

con gli inserti antichi di Giovanni Paladini (Aletheia Ca' Foscari Venezia)

Anthropos in scena. Letture e musiche

a cura del Liceo Paolo Diacono di Cividale del Friuli e dei Licei Classici del Friuli Venezia Giulia

 

LE PAROLE DEI CLASSICI

PER RESTARE UOMINI

Un magistrato, un medico, un poeta e un filologo

a confronto sulla nostra idea di Humanitas

 

Sono in cammino i Classici Contro, il progetto dell'Università Ca' Foscari Venezia, ideato da Alberto Camerotto e Filippomaria Pontani, che mette in discussione i problemi del presente con gli occhi dei classici antichi.

Il tema di quest'anno è Anthropos, l’uomo come “misura di tutte le cose”, l’uomo come “la cosa più tremenda”, l’uomo come centro saliente di ogni pensiero e di ogni arte; ma anche l’uomo travolto dalla moira, dalle decisioni degli dèi, dalle proprie passioni. Esiste nella Grecia antica un’idea di “diritti inalienabili” dell’uomo, una nozione di giustizia